Paolo Padalino

Musicista, Musicologo, Musicoterapeuta, Direttore d’orchestra, Esperto in Didattica dell’inclusione e Bisogni Educativi Speciali, Didatta, Docente formatore e Ricercatore in Musicoterapia.

Inizia gli studi musicali presso il Complesso Bandistico “G. Verdi” di San Biagio Platani (AG), sotto la guida del Maestro Giovanni Napoleone Longo e in seguito con il Maestro Amedeo Maniglia, presso l’Associazione Filarmonica Amadeus – Scuola di Arte e Musica di Agrigento. 

Specializzato in pianoforte (sotto la guida del Maestro Giuseppina Sciacca), organo, direzione e composizione corale (sotto la guida del Maestro Giovanna Ingrao), prosegue gli studi presso il Conservatorio Statale “F. Venezze” di Rovigo, laureandosi in Trombone sotto la guida del Maestro Giuseppe Mendola (Primo Trombone del Teatro “La Fenice” di Venezia).

È Dottore Magistrale in Musica e Arti Performative, presso l’Università degli Studi di Padova e ha conseguito il Diploma di Specializzazione in Musicoterapia, presso l’Université Européenne “J. Monnet” di Bruxelles. Ha studiato Direzione d’orchestra presso la Civica Scuola di Musica Claudio Abbado di Milano sotto la guida del Maestro Yoichi Sugiyama e successivamente ha conseguito il Diploma annuale di Perfezionamento in Direzione d’orchestra presso l’Accademia Internazionale di Perfezionamento per Direttori d’Opera “Spazio Musica” di Genova, nella classe del Maestro  Vittorio Parisi. 

Si è specializzato in Didattica Musicale conseguendo la nomina di "Docente Esperto nella gestione del gruppo – classe”, ha conseguito il Master di Primo Livello in Didattica dell’inclusione e bisogni educativi speciali con il massimo dei voti presso l’Università di Napoli. 

FB_IMG_1559750665389jpg

Dopo essersi dedicato allo studio approfondito della fisarmonica, ha studiato e si perfezionato con insegnanti di spicco quali: Massimo Longhi (Prima Tromba dell’Arena di Verona), Antonio Sicoli (Teatro dell’Opera di Roma), Vincenzo Paratore (Primo Trombone del Teatro Bellini di Catania), Andrea Bandini (Primo Trombone dell’Orchestra della Suisse Romande di Ginevra), Gianluca Scipioni (Primo Trombone del Teatro Regio di Torino) e Athos Castellan (Trombone bassodel Teatro “La Fenice” di Venezia). 

Per la composizione si è perfezionato con Claudio Ambrosini e Sonia Bo e per la direzione d’orchestra con direttori di fama internazionale quali: Myung-Whun Chung, Daniel Oren, Julian Kovatchev. Intensa l'attività concertistica e discografica come esecutore e direttore nei teatri e nelle cattedrali delle più importanti capitali, città italiane e di tutto il mondo: Roma, Rovigo, Agrigento, Bergamo, Firenze, Torino, Palermo, Milano, Napoli, Bologna, Venezia, Verona, Catania, Parma, Salerno, Genova, Madrid, Monaco, Chicago, Londra, Praga, Bruxelles, Ginevra, Berlino, Vienna, Malta, Mosca, Belfast. 

Attualmente collabora in qualità di Musicoterapeuta con la Fondazione Lu.V.I. Onlus di Milano, che si occupa di diritto alla cura nelle malattie avanzate inguaribili e di persone con gravi fragilità psico-fisico-sociali. La Fondazione è attualmente sede dell’Università degli Studi di Milano e della sezione IEO del corso di laurea in infermieristica.

E’ docente di Musica e Strumento Musicale presso la scuola secondaria di primo e secondo grado, consulente di Musica e Musicoterapia presso la scuola dell’infanzia e primaria.
E’ Coordinatore e titolare della cattedra di Musicoterapia del Corso universitario triennale di specializzazione in Musicoterapia, presso il Centro Studi e Ricerche in Musicoterapia “Notevoli Note” di Agrigento e dell’Université Européenne “J. Monnet” di Bruxelles.

Ha pubblicato l’articolo: “La Musica, energia creativa e salute per l’anima” reperibile dal web.
E’ iscritto al Registro Professionale Europeo degli Specialisti in Discipline Psicologiche
del “Centre Culturel Européen Jean Monnet Asbl" di Bruxelles – lista Musicoterapisti n° AT220-Me al Registro Professionale Europeo dei Formatori del “Centre Culturel Européen Jean Monnet Asbl"di Bruxelles – lista Formatori n° F056.

A partire dal 2019 è membro dell'Ensemble "Le Civette sul Comò" in qualità di arrangiatore, trombonista e fisarmonicista.