Mario Paparone

Fin da piccolo è influenzato da diversi generi musicali, grazie al padre musicista. All'età di 8 anni si avvicina alla chitarra classica, frequentando la scuola di musica Albero Musicale a Saronno, dove studia per 4 anni con il maestro Stefano Peloso. Partecipa a numerosi laboratori organizzati dalla scuola, migliorando il suo stile e modo di suonare e avvicinandosi alla musica rock/blues.
All'età di 12 anni, passa sotto la guida del maestro Andrea Carola, che gli insegna il blues in tutte le sue sfaccettature e continua parallelamente la ricerca sempre più meticolosa del proprio stile personale. Contemporaneamente inizia la ricerca di una band con cui potersi mettere alla prova: la prima con cui collabora sono i DPB, una band rock italiano/straniero che suona principalmente cover e  nella quale rimarrà per 6 anni.

6335b934-f178-4626-8d14-245aa192fd61JPG

Nel 2014 entra a far parte della band Syngergy, che gli farà conoscere ulteriori generi e stili musicali.
Nel 2017 studia sotto la guida del maestro Marco Pontiroli, per sviluppare meglio la tecnica jazz e le sue forme. Durante questi anni decide di abbandonare i Synergy, per ampliare il proprio orizzonte musicale. Si dedica così a tre progetti complementari e paralleli, che ne dimostrano le doti di musicista poliedrico e preparato. Le tre formazioni con cui inizia a collaborare in modo stabile sono la band Apeiron Legacy (alternative metal), la Pennyless Jazz Band (jazz) i Bad Apples (hard rock), con cui inizia anche a comporre propri brani originali.
Con queste tre band, partecipa a numerosi live ed esibizioni che danno subito dimostrazione della sua grande versatilità, non solo per la capacità di suonare diversi generi musicali, con uno stile personale e sofisticato, ma anche perché si misura inoltre come bassista e cantante.
Nell'estate del 2019 registra in studio il primo album dei Bad Apples, che uscirà a settembre 2019.
Attualmente è impegnato in vari contest e concerti insieme alle sue band.

A partire dal 2019 è membro dell’Ensemble “Le Civette sul Comò” in qualità di chitarrista e compositore.